Untitled Document
camper club napoli, camper club, camper, aria sosta, club la Strada, viaggi con camper, Guinness, World, Records, raduni, campania, italia, Club, club, Russia, foto, fotografie, camper, Tour, roulotte, turismo, turisti, viaggio, viaggi, turist, sezioni, caravan e camper, leggi, internet, comitato di coordinamento, iscriviti,Codice della Strada, normative e leggi sui campeggi e sul turismo, ecologia, viaggi, ragazzi in camper, donne in camper, sesso in camper, parking, turismo itinerante, on the road, associazione, associazioni, Italia, mondo, world, europa, campania, mediterraneo, regione campania,provincia Napoli, camping, tirreno, pianeta, plein air Napoli, gira camper, diario di bordo,bella Napoli, informazioni turismo, castelli Napoli, turistiche, Napoliguide, cultura, comune Napoli, itinerari, storia di Napoli camper, mappe,camper sud, camper nord, camper centro, libreria camper, golfo, isole,penisola,navi camper, traghetti camper, camping, sosta camper, parcheggiocamper, parking, area sosta, dove sostare, museo, mostre, fiere,esposizione, fieristica
dal 21 al 25 aprile 2017
“i Campi Flegrei e le vedute di Napoli”

Camper club napoli
Tour con partecipazione a premi del concorso fotografico “FOTO A’ PORTER II edizione”

TOUR DI PRIMAVERA WEEK END di MARZO DEDICATI all’ARTE

Camper club napoli
Camper Club Napoli consiglia agli amici camperisti, amanti dell’arte, importanti appuntamenti artistici nella città di Napoli.
dal 7 all’ 11 dicembre 2016
La via dei Presepi

Camper club napoli
Raduno promosso dall’Associazione Camper Club Napoli
dal 30 settembre al 2 ottobre
La terra che Arde 2016

Camper club napoli
Raduno a Napoli dal 30 settembre al 2 ottobre.
Dal 2 al 5 Giugno 2016
Per il Ponte del 2 giugnoRaduno Camper "Foto -a- Porterconcorso fotografico con premiazione

Camper club napoli
Dal 22/04/2016 al 25 Aprile 2016
Ponte del 25 aprile 2016

Camper club napoli
Per il ponte del 25 aprile, l’Associazione Camper Club Napoli propone a tutti gli amici camperisti una confortevole sosta presso l’area attrezzata “Il Parco dei Camaldoli”


Dal 31/03/2011 al 03 Aprile 2011
1a Festa del Campeggiatore Turistico "vivendo Cava ed il millennio”

Camper club Napoli
A.C.T.Italia Federazione Nazionale, con il patrocino del comune di Cava dei Tirreni (SA) In occasione del Millennio dell’Abbazia Benedettina SS. Trinità, organizza la 1a Festa del Campeggiatore Turistico
Dall' 1 al 04 luglio 2010
Viaggio-Studio, Carinzia (Austria)

Camper club Napoli
Dall’1 al 4 luglio 2010 una rappresentanza dei Club affiliati ad A.C.T.Italia Federazione è stata ricevuta dall’Ente Turismo della Carinzia (Austria) per svolgere un viaggio di studio mirato alla conoscenza di questa straordinaria regione austriaca.







Itinerari e percorsi turistici in camper ad Avellino

Itinerario Turistico in Camper nella Comunità Montana del Partenio
L'itinerario in camper da noi proposto, a forte valenza ambientale, ricade nel territorio della Comunità Montana del Partenio

Itinerario nella comunità montana del Partenio

 L'importanza che riveste sotto l'aspetto turistico-religioso il Santuario di Montevergine ci offre il punto di partenza per un percorso in camper per estenderlo poi nei territori adiacenti, di elevato valore naturalistico ed enogastronomico. Ci troviamo nella Comunità Montana del Partenio, dove a dolci colline terrazzate a vigneti ed oliveti si alternano rigogliosi boschi di castagneti e faggeti. Centro nodale del nostro itinerario per l'importanza che riveste sotto l'aspetto religioso, situata sul Monte Partenio ad una altezza di 1270 metri s.l.m., raggiungibile da Mercogliano con la funicolare e con percorsi pedonali, e meta di 2 milioni di pellegrini all'anno. Il Santuario, che la tradizione vuole fondato da San Guglielmo, conserva uno splendido museo con reperti archeologici ed una mostra di presepi provenienti da tutto il mondo.


Altra Abbazia è quella di Loreto, grandiosa costruzione barocca a pianta ottagonale, la quale conserva un archivio ricco di documenti storici tra cui 700 pergamene risalenti all'anno ‘800 e la Biblioteca, che, con oltre 150.000 volumi, negli ultimi tempi, ha assunto il ruolo di un aggiornato istituto di cultura.

Tra le numerose emergenze architettoniche presenti nel territorio della Comunità Montana, il Castello della Leonessa è certamente quello di maggiore interesse; la costruzione che sorge nel comune di Montemiletto, nota come Palazzo Baronale, risale al 1100, ma nel corso dei secoli ha subito vari rifacimenti e modifiche. Dell'origine longobarda non esistono quasi più tracce. Il castello, rimaneggiato in epoca angioina, fu danneggiato nel 1419 durante l'assedio del conte di Tocco.
Altra emergenza di grande valore è rappresentata dal castello-carcere di Montefusco, fondato dai longobardi; in epoca angioina e poi aragonese divenne sede del tribunale della Regia Udienza Provinciale del Principato d'Ultra. Nell'ultimo decennio borbonico divenne sede della Gran Corte Criminale Borbonica che vi fece imprigionare i deportati politici.
I Monti del Partenio fanno parte del versante Campano dell'Appennino Meridionale e si estendono lungo un monoclinale nell'unità idrogeologica dei Monti D'Avella-Montevergine- Pizzo di Alvano, compresi tra la Valle Caudina a Nord, la Piana di Nola e Salerno ad Ovest, la Valle del Torrente Solofrana a Sud; ad Est l'area, per un versante, è compresa tra la Valle del Fiume Sabato e, per l'altro, si affaccia sull'Alta Irpinia.

I primi colonizzatori dei Monti del Partenio sembrano essere stati popoli appartenenti alla Civiltà Appenninica; qui si insediarono due dei rami del popolo Sannita: i Caudini e gli Hirpini.
Il gruppo montuoso viene riportato nelle documentazioni alto medievali come possedimento del demanio palatino del principe beneventano Arechi II e la sua storia è intimamente legata dalla rete di comunicazione viaria. Il territorio dell'attuale Parco del Partenio vede, nell'Alto Medioevo la formazione di piccoli insediamenti nelle valli, legati alle vicende delle varie fondazioni religiose. Le maggiori modificazioni si hanno nel periodo normanno, quando gli insediamenti abitati vengono trasformati in zone fortificate con il sorgere di diversi castelli.



 Il centro medievale di Mercogliano  si dispone a spirale rispetto al castello normanno. Di sicuro le origini sono ben più antiche, risalgono all'epoca romana dalla quale trae origine il nome Mercurianum. Fu prima possedimento longobardo e poi passò sotto la giurisdizione normanna, epoca in cui si provvide a costruire la fortezza e a circoscrivere il borgo con una cinta muraria. Di notevole interesse storico e architettonico è il borgo medioevale, denominato Capocastello con il tipico impianto a vicoli stretti e larghi da cui si gode il panorama sottostante. Nel centro antico si possono visitare i ruderi del castello medioevale, distrutto da un incendio del 1656 e recentemente restaurato. All'entrata di Capocastello vi è la Porta dei Santi, unica parte superstite della cinta muraria.




Itinerario nella comunità montana del Partenio
Per quanto concerne l'artigianato, resiste l'antica tradizione del ricamo di pizzi pregiati attraverso uno strumento che richiede una notevole abilità manuale chiamato il “Tombolo”. Questa usanza è mantenuta viva nel comune di S. Paolina grazie all'istituzione di un vero Museo del “Tombolo”, alla costituzione di una scuola specifica di ricamo e all'appuntamento annuale con l'omonima mostra.
Il territorio, infine, è caratterizzato dalla presenza di numerosi vigneti. Soprattutto nella parte orientale della Comunità Montana esiste una grande produzione di vini D.OC. e D.O.C.G.. È questa l'area dove prodotti come il pregiatissimo Taurasi ma anche il Greco di Tufo vengono alla luce grazie ad una millenaria tradizione vinicola.
I vigneti impiantati sono numerosi con le loro caratteristiche di ordine e di colorazione, immediatamente identificabili anche ad occhi non particolarmente esperti.

Inoltre è possibile effettuare bellissime escursioni tra le verdi valli, i boschi cedui di castagno e piccoli torrenti. A circa 1.000 metri slm, a pochi chilometri dal centro abitato, oltre l'antico borgo di Capo Castello, troviamo Acquafidia con la sua antica sorgente di acqua oligominerale, una delle più ricche del Partenio.
Campo Maggiore, uno dei più suggestivi altipiani del Parco Regionale del Partenio, è situato a 1.370 metri slm.ed è il luogo ideale per tutte le attività escursionistiche: passeggiate a piedi, in bici o a cavallo, birdwatching, a stretto contatto con gli odori ed i colori di un ambiente che è rimasto fedele alla propria natura.

Torna su
 Torna alla cartina degli itininerari





 
Chi siamo Gli eventi Contattaci Bon ton Le foto dei raduni Itinerari campani Aree sosta Rassegna Cucinare in camper
Realizzato da SySTEP snc