Untitled Document
camper club napoli, camper club, camper, aria sosta, club la Strada, viaggi con camper, Guinness, World, Records, raduni, campania, italia, Club, club, Russia, foto, fotografie, camper, Tour, roulotte, turismo, turisti, viaggio, viaggi, turist, sezioni, caravan e camper, leggi, internet, comitato di coordinamento, iscriviti,Codice della Strada, normative e leggi sui campeggi e sul turismo, ecologia, viaggi, ragazzi in camper, donne in camper, sesso in camper, parking, turismo itinerante, on the road, associazione, associazioni, Italia, mondo, world, europa, campania, mediterraneo, regione campania,provincia Napoli, camping, tirreno, pianeta, plein air Napoli, gira camper, diario di bordo,bella Napoli, informazioni turismo, castelli Napoli, turistiche, Napoliguide, cultura, comune Napoli, itinerari, storia di Napoli camper, mappe,camper sud, camper nord, camper centro, libreria camper, golfo, isole,penisola,navi camper, traghetti camper, camping, sosta camper, parcheggiocamper, parking, area sosta, dove sostare, museo, mostre, fiere,esposizione, fieristica
dal 21 al 25 aprile 2017
“i Campi Flegrei e le vedute di Napoli”

Camper club napoli
Tour con partecipazione a premi del concorso fotografico “FOTO A’ PORTER II edizione”

TOUR DI PRIMAVERA WEEK END di MARZO DEDICATI all’ARTE

Camper club napoli
Camper Club Napoli consiglia agli amici camperisti, amanti dell’arte, importanti appuntamenti artistici nella città di Napoli.
dal 7 all’ 11 dicembre 2016
La via dei Presepi

Camper club napoli
Raduno promosso dall’Associazione Camper Club Napoli
dal 30 settembre al 2 ottobre
La terra che Arde 2016

Camper club napoli
Raduno a Napoli dal 30 settembre al 2 ottobre.
Dal 2 al 5 Giugno 2016
Per il Ponte del 2 giugnoRaduno Camper "Foto -a- Porterconcorso fotografico con premiazione

Camper club napoli
Dal 22/04/2016 al 25 Aprile 2016
Ponte del 25 aprile 2016

Camper club napoli
Per il ponte del 25 aprile, l’Associazione Camper Club Napoli propone a tutti gli amici camperisti una confortevole sosta presso l’area attrezzata “Il Parco dei Camaldoli”


Dal 31/03/2011 al 03 Aprile 2011
1a Festa del Campeggiatore Turistico "vivendo Cava ed il millennio”

Camper club Napoli
A.C.T.Italia Federazione Nazionale, con il patrocino del comune di Cava dei Tirreni (SA) In occasione del Millennio dell’Abbazia Benedettina SS. Trinità, organizza la 1a Festa del Campeggiatore Turistico
Dall' 1 al 04 luglio 2010
Viaggio-Studio, Carinzia (Austria)

Camper club Napoli
Dall’1 al 4 luglio 2010 una rappresentanza dei Club affiliati ad A.C.T.Italia Federazione è stata ricevuta dall’Ente Turismo della Carinzia (Austria) per svolgere un viaggio di studio mirato alla conoscenza di questa straordinaria regione austriaca.







Itinerari e percorsi turistici in camper a Napoli

 

Itinerario Turistico in Camper tra Pompei ed Ercolano

 

Molti sostengono che i siti archeologici esistenti tra Pompei ed Ercolano siano forse quelli meglio conservati nel mondo. Se questo rappresenta già un buon motivo per una visita, l'importanza che riveste sotto l'aspetto religioso il Santuario della Madonna del Rosario, la presenza di numerose ville vesuviane di pregevole fattura situate praticamente alle falde del Vesuvio rendono questo itinerario in camper una avventura irripetibile.

La città di Pompei, le cui origini risalgono al VI secolo a.C., passò attraverso alterne vicende fino al definitivo controllo di Roma nell'80 a.C. come colonia con il nome di Cornelia Veneria Pompeianorum. Ercolano, invece, dovette sottomettersi con il titolo meno prestigioso di Municipium. Nonostante la loro vicinanza le due città svolgevano funzioni completamente diverse: Pompei era un fiorente centro commerciale arricchitosi con gli scambi fluviali che avvenivano lungo il fiume Sarno, tra la costa e l'interno della regione; posta sulla strada tra Cuma, Napoli e le regioni meridionali, era inoltre al centro di una importante regione vinicola. Ercolano era invece una città residenziale e di svago per i facoltosi cittadini romani della zona.

Impossibile non menzionare l'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. che seppellì le due città sotto una spessa coltre di cenere e lapilli.


L'antica Pompei, a pianta ellittica, era divisa da un regolare reticolo di strade che si intersecavano ad angolo retto. Le case erano prevalentemente a due piani, con giardino o cortile interno e decorate da rivestimenti architettonici e pitture del più alto interesse. Il Foro, vasta piazza rettangolare, rappresentava il fulcro della vita politica religiosa ed economica cittadina, vi sorgevano i principali edifici pubblici. Erano presenti due teatri: il Teatro Piccolo, una costruzione dell'80-75 a.C. e il Teatro Grande, capace di 5.000 spettatori, che risale all'età ellenistica (200-150 a.C.).


Le più grandi terme della città erano le Terme Stabiane, costruite in età sannitica e rifatte in quella imperiale. Le decorazioni a stucco, di età flavia, sono fra i più notevoli esempi del genere.
Tra le numerose abitazioni di notevole bellezza, la Casa dei Vettii è uno dei più interessanti esempi di casa di ricchi mercanti, mentre la Villa dei Misteri è forse la più importante costruzione di Pompei; motivo principale del suo interesse è il ciclo di pitture del I secolo a.C. che decora la Sala del grande dipinto.
Le mura di Pompei rappresentano uno dei più importanti sistemi di fortificazione di città italica preromana che siano giunti fino a noi. In esse si notano non meno di quattro fasi di costruzione. Nel corso del II secolo a.C. le difese vennero ulteriormente rinforzate e alla fine, verso il I secolo, furono aggiunte dodici torri.
Pompei aveva sette porte, cinque delle quali comunicavano con importanti strade esterne. Subito fuori le mura si estendevano grandi aree principalmente adibite a cimiteri, dal momento che le sepolture e le cremazioni erano proibite all'interno della città.
Numerosi altri edifici meritano una particolare attenzione. Tra questi si ricordano: la Casa del Menandro, la Casa di Loreius Tiburtinus, la Casa degli Amorini dorati, la Casa del Fauno, la Villa di Diomede, l'Anfiteatro.


      
Di notevole interesse sotto l'aspetto strettamente turistico-religioso risulta il Santuario della Madonna del Rosario di Pompei; il Santuario e' uno dei centri di devozione mariana più frequentati in Italia e, strutturalmente, si presenta a croce latina con tre navate. Entrando in Basilica dalla porta centrale, si passa sotto la monumentale cantoria, con bellissimi intagli, sede di uno dei migliori organi inaugurato nel lontano 1890. L'interno è ricco di marmi, affreschi e mosaici, presenta 4 maestosi pilastri che sostengono la monumentale cupola; sull'altare maggiore e' custodita il quadro della Vergine del Rosario con il Bambino. Si tratta di un'antica tela, forse del ‘600, ornata da numerose gemme e racchiusa da una ricca cornice di bronzo. Adiacente è la sala del tesoro, che custodisce preziosi ostensori, calici e altri arredi sacri, e il piccolo museo, nel quale sono esposti ex voto e oggetti donati dai pellegrini.



            
Ad Ercolano e nei comuni costieri limitrofi è possibile ammirare le 121 ville vesuviane costruite tra il XVI e il XVIII secolo molte delle quali risultano ben conservate. Da un punto di vista strettamente architettonico, le ville presentano le caratteristiche tipiche degli stili barocco e rococò: gusto scenografico, uso sapiente degli effetti prospettici con le architetture a far da quinte su fondali costituiti dal Vesuvio e dal mare, mescolanza spregiudicata degli ordini architettonici. Negli interni grande attenzione è data al piano nobile, arricchito da terrazzi e affreschi che suggeriscono, spesso, gli stessi paesaggi visibili all'esterno. Tra le ville di maggior pregio spiccano Villa Campolieto costruita nella metà del 700 da Vanvitelli, recentemente restaurata, e Villa Favorita.

Torna su  Torna alla cartina degli itininerari

Itinerario Turistico in camper nella penisola sorrentina

  

L'itinerario in camper che andiamo a proporre raggruppa al suo interno uno dei tratti di litorale marino tra i più belli e conosciuti al mondo, ricco di bellezze paesaggistiche e monumentali; nonostante tanta fama siamo sicuri di essere riusciti a trovare in quest'area alcuni siti altrettanto interessanti che, data l'immensa quantità di cose da visitare, vengono spesso trascurati o quanto meno sottovalutati.

   
A circa cinquanta chilometri a sud di Napoli, si estende la Penisola Sorrentina; la Penisola è una stretta lingua di terra che, grazie alla sua conformazione morfologica, è stata sin dai tempi più remoti il luogo ideale per gli insediamenti abitativi.
Il visitatore che raggiunge questi luoghi è colpito dall'azzurro intenso del mare e dal verde brillante dei limoni. In questo scenario incontaminato non resta che tuffarsi in un itinerario che ci porterà ad apprezzare le bellezze paesaggistiche ed artistiche di quest'angolo di paradiso.

L'itinerario parte alle falde monte Faito raggiungibile in pochi minuti con la funivia; alto 1103 metri, fa parte della catena dei Monti Lattari. Il monte è un'enorme terrazza con vista sospesa tra cielo e mare; da qui si può ammirare un panorama emozionante che parte dal golfo di Salerno fino al Golfo di Napoli, passando per Ischia, fino ai Faraglioni di Capri. È un susseguirsi meraviglioso di colori che cambia ad ogni stagione: dai toni bruni in autunno, al bianco d'inverno, alle tonalità brillanti della primavera e dell'estate. Il monte si estende per più di cento ettari tra bosco e macchia mediterranea ed è possibile effettuare, attraverso i suoi sentieri, delle bellissime passeggiate a contatto con uno spettacolo della natura senza dubbio indimenticabile.

Vico Equense si trova ai piedi del monte Faito a metà strada tra Sorrento e Castellammare di Stabia, su un promontorio roccioso a picco sul mare che si affaccia sul meraviglioso golfo di Napoli. La città, fondata nel XIII secolo da Carlo II d'Angiò, oggi è una stazione turistica molto apprezzata per sua lunga costa frastagliata e di grande bellezza, ricca di piccole spiagge e incantevoli calette, alcune raggiungibili solo dal mare, con pareti a strapiombo e rocce dalle forme insolite che si aprono su grotte naturali molto suggestive e sorgenti di acque minerali.
Nel paese esistono numerose testimonianze del suo passato: l'ex Cattedrale o chiesa dell'Annunziata costituisce l'unico esempio di chiesa gotica nella penisola sorrentina. Essa sorge nel centro storico, l'interno è a tre navate di cui quella centrale custodisce importanti opere d'arte come le tele di Giuseppe Bonito. Ricordiamo anche il Castello Giusso, fondato da Carlo II d'Angio' e poi rimaneggiato tra il '600 e l''800, l'Antiquarium, che custodisce materiale archeologico proveniente da una necropoli scoperta nella zona urbana e datata tra VII ed il V secolo a. C. ed il prestigioso Museo Mineralogico Campano che custodisce campioni di circa 3500 minerali provenienti da tutto il mondo.
Sorrento è tra le più belle e famose località della penisola sorrentina; la leggenda narra che un tempo nel mare di Sorrento abitassero le mitiche Sirene che tentarono Ulisse con un canto melodioso.
Sotto il profilo storico-artistico Sorrento è ricchissima di emergenze di immenso valore; tra le tante sono molto interessanti il Duomo, il Palazzo Correale e il Museo Correale di Terranova.
Il Duomo, risalente all'XI secolo ma ristrutturato nel XV secolo, si colloca in un complesso di cui fanno parte la Sede Vescovile, da sempre punto di riferimento per la comunità cattolica di tutta la Penisola Sorrentina ed il Seminario. L'interno e' a croce latina e a tre navate dove sono ben conservate statue marmoree e tele. Palazzo Correale ha la facciata ornata da bifore in tufo scuro, con varie forme e disegni. Infine un bellissimo finestrone insiste su corti sostegni polistili sostenuti da mensole e sormontati da capitelli gotici a forma di foglie d'acanto.

Itinerario nella penisola sorrentina
Il Museo Correale di Terranova conserva importanti raccolte di marmi e statue greche, romane e medievali ritrovate nelle città e nelle zone limitrofe, dipinti di nature morte e paesaggi di autori stranieri. Nel centro storico di Sorrento, alle spalle di Piazza Torquato Tasso, illustre concittadino, c'è la possibilità di ammirare dall'alto uno spettacolo naturale straordinario: il Vallone dei Mulini. Il Vallone circonda, sul lato sud-est, il blocco tufaceo dell'attuale centro storico; osservandolo dall'alto è visibile una caratteristica ferita della roccia, che incide in profondità la piattaforma tufacea in senso trasversale. Questa incisiva ferita è stata originata dalla più vasta eruzione che sconvolse il Mediterraneo circa 35.000 anni fa. Sulla piazza stessa prospetta la chiesa di Santa Maria del Carmine mentre, al limite sud della piazza, è la Casa Correale risalente alla fine del XV secolo ma ricostruita nel 1768. Bella è la decorazione maiolicata nella parete di fondo del cortile.
Torna su  Torna alla cartina degli itininerari
 

Itinerario Turistico in camper nei Campi Flegrei

L'origine del nome Campi Flegrei (phlegraios = ardente) è greca, ed è stato attribuito al luogo per l'attività' vulcanica, evidente ai primi navigatori egei.

E’ una terra affascinante per il paesaggio dolce e vario, per la miriade di crateri spenti, alle cui assopite attività vulcaniche, sono connessi i fenomeni di bradisismo e termalismo.

E’ una terra affascinante per il paesaggio dolce e vario, per la miriade di crateri spenti, alle cui assopite attività vulcaniche, sono connessi i fenomeni di bradisismo e termalismo. Terra fertilissima e soleggiata, sottoposta ad un clima mite, con facili e naturali approdi, fu sede di primitive e mitiche popolazioni



I Campi Flegrei sono sempre stati un luogo di grande fascino storico-archeologico e d’importante interesse geologico-naturalistico. Fin dal lontano VIII secolo a. C. i Greci costituirono a Cuma il loro primo insediamento continentale nella Penisola italiana. Successivamente, i romani fecero di Puteoli (l'attuale Pozzuoli) un fiorente centro marittimo e commerciale, nonché un porto di grande rilievo strategico.

 Inoltre, sfruttando il carattere vulcanico della zona, in epoca romana si crearono dei centri termali che, uniti al fascino naturalistico e culturale dei luoghi, fecero dei Campi Flegrei (Phlegràios = ardente) un sito ambito da tutta l’aristocrazia di Roma. Lo straordinario interesse culturale è testimoniato inoltre dall’ambientazione di alcuni episodi dell’Odissea di Omero e di tanti altri dell’Eneide di Virgilio, il quale scelse poi di abitare queste terre sino alla fine della sua vita. Storia, mito, la terra infuocata dei vulcani e la mano esperta dell’uomo, le rovine greche e romane (tra cui anche il leggendario “Antro della Sibilla”), le bellissime oasi naturalistiche, i laghi vulcanici e i crateri, ancora attivi, rappresentano validi motivi per visitare queste terre.

CUMA (Kymè)

Sulle origini della città, l'ipotesi più verosimile è che essa fu fondata intorno all'VIII sec. a. C. dagli abitanti della vicina Pithekoussai (Ischia) provenienti dalle città euboiche di Calcide ed Eretria. Cuma divenne ben presto una città fiorente e potente, estendendo i suoi confini sul golfo flegreo e partenopeo fino al 421 a.C. quando fu conquistata dai Campani. Verso la fine della repubblica, quando Puteoli divenne il porto principale di Roma, Cuma decadde in breve tempo e fu ricordata solamente come luogo tranquillo, solitario e di culto per la presenza dell'antro oracolare della Sibilla. Nel Medio Evo divenne stabile dimora di predoni che furono debellati da una lega campana nel 1207, con la totale distruzione della città.

Tra i vigneti, il verde della pineta ed il mare, si erge in tutta la sua maestosità il più importante sito archeologico che rappresenta la più antica colonia greca in Italia, l'Acropoli dove vivono ancora imponenti costruzioni quali simboli dell'antica grandezza di Cuma come l’antro della Sibilla, il Tempio di Apollo e il cosiddetto Tempio di Giove.

Dall'alto della rupe, guardando ad oriente,  si può ammirare l'Arco Felice  che permetteva il collegamento di Cuma con la via Domiziana. Nella piana si possono osservare il Capitolium, il Foro e le Terme Imperiali.

POZZUOLI

Cuore dei Campi Flegrei, al centro del golfo meraviglioso che si dispiega tra i promontori di Posillipo e di Miseno, Pozzuoli ha giocato un ruolo fondamentale nella vicenda storica di questa terra, che ha caratterizzato cicli di civiltà e tutt’ora offre un vasto campionario di fenomeni scientifici e un paesaggio inconfondibile.

Occupata dai Cumani nella loro azione espansionistica lungo l’arco di quel golfo, che da loro fu chiamato "cratere cumano", Pozzuoli rappresentò uno dei cardini della potenza navale di Cuma, una delle chiavi della sua strategia sul mare.

Gruppi, provenienti dall’isola greca di Samos, sbarcarono a Pozzuoli intorno al 528-529 a.C. e fondarono sull’acropoli la colonia di Dicearchia.

Dicearchia significa "governo giusto" o "dei giusti", volendosi ribadire che a Samos, da loro abbandonata, un governo dispotico aveva preso il sopravvento. La calata devastatrice dei Sanniti su Cuma travolge nel 420 a.C. anche il territorio della nobile e vetusta polis della Magna Grecia. Così, sotto i colpi degli scatenati Sanniti crolla Dicearchia, che passa sotto l’influenza e nell’orbita della grande rivale del mondo ellenico, Capua. Pozzuoli pagò duramente, come del resto tutta la zona Flegrea, l’invasione annibalica. Quando i legionari di Roma si portarono nella roccaforte dicarchica per rafforzarla e tenerla fuori dalle grinfie del grande condottiero cartaginese, ebbero modo di constatare l’estrema indigenza, in cui versava, nell’infuriare della seconda guerra punica. Fu nel 215 a.C. che – per decisione del Senato di Roma – Dicearchia (divenuta poi Puteoli) fu occupata da Quinto Fabio, che vi stabilì un presidio militare. Nel 194 a.C., l’antica Dicearchia (dicaiarchia) dei greco-sami si fregia del nome romano, da cui deriva l’attuale eponimo. Diventa colonia.

Quale fu il motivo, che spinse i Romani a battezzare Dicearchia col diminutivo di "piccoli pozzi"? Il dotto filologo Terenzio Varrone, che dalle parti di Baia possedeva una villa, non ha dubbi nell’affermare che Puteoli derivi da "a puteis" cioè dai "pozzi" e Puteoli è un diminutivo al plurale (puteolus, puteoli). Varrone si richiama all’abbondanza delle acque fredde e calde, non trascura nemmeno il "putore" dello zolfo e dell’allume, che sprigiona sia il Forum Vulcani (la Solfatara), sia i tanti spacchi del suolo fumarolico. Per Strabone, la romana Potioloi non si spiega che con i tanti piccoli suoi pozzi e fa un pensierino anche alle acque minerali.

Torna su  Torna alla cartina degli itininerari





 
Chi siamo Gli eventi Contattaci Bon ton Le foto dei raduni Itinerari campani Aree sosta Rassegna Cucinare in camper
Realizzato da SySTEP snc